Disprezzo chi vuol dare l’immagine del paese che amo come un cumulo di immondizia stagnante senza far nulla, oltre la chiacchiera da esposizione sui social, per risolvere il problema. Pertanto, va il mio plauso agli esponenti leghisti che, pur non essendo di Teggiano, nella giornata di ieri hanno dato il buon esempio”. Queste le parole del consigliere di Teggiano Giuseppe Forlano, all’indomani della richiesta di dimissioni espressa dalla LEGA-Vallo di Diano a seguito di un suo commento ad un post su Facebook nel quale avrebbe accusato la Lega-Vallo di Diano di aver sporcato le strade di Teggiano prima di pulirle.

La normativa di settore – spiega – impedisce agli apparati comunali di procedere alla raccolta di rifiuti stazionanti su aree private (e tali sono i terreni e i fossi presenti in via Vione dove sono intervenuti i rappresentanti della Lega). Ne plaudo l’esempio nella speranza che il senso civico comune prevalga sulla negletta mentalità di quei pochi che pensano di potersene fregare di leggi, regolamenti, diritti altrui a vivere in zone salubri e puliteLeggo che la Lega chiede le mie dimissioni per averli io ‘accusati’ di aver proceduto loro stessi all’imbrattamento. Ma credo che una cosa di tal fatta non possa assolutamente albergare in chi plaude all’esempio civico mostrato. È vero, però (ed era questo il senso del mio dire, subito dopo ribadito al sig. Leuzzi che chiedeva ragguagli sulla mia affermazione) che azioni di tal fatta non esimono le autorità dall’indagare sui responsabili degli abbandoni dei rifiuti, né nel permettere ai trasgressori di ritenere di ‘averla fatta franca’. Il pericolo, infatti, è che la presenza ’riparatrice’ delle associazioni o delle istituzioni politiche o amministrative porti alla nascita di un sentimento diffuso di impunità delle azioni di abbandono dei rifiuti. Già l’altra sera, nella stessa strada oggetto dell’intervento in questione, ci segnalavano l’accensione dolosa di plastiche. L’Amministrazione civica teggianese non tollera questi abbandoni e calerà con forza tutte le armi in suo possesso affinché i trasgressori vengano puniti”.

Forlano inoltre annuncia che un progetto del servizio civile è focalizzato sull’ambiente e vede i giovani impegnati nello scovare i siti interessati dall’abbandono di rifiuti per procedere alla rimozione, ricordando che nel centro storico sono stati installati dispenser di sacchetti per le deiezioni canine e raccoglitori di mozziconi di sigarette, due fototrappole, sono state elevate contravvenzioni a trasgressori delle normative in tema di raccolta e gestione dei rifiuti, sono stati bonificati abbandoni di eternit ed è in dirittura d’arrivo l’istituzione di un apposito sportello comunale per la gestione dell’eternit da smaltire. “A questo titolo – conclude il consigliere Forlano – non mi pare che vi siano presupposti plausibili perché dia le dimissioni. Le dimissioni vanno chieste a chi resta inerte; l’Amministrazione civica teggianese dimostra sul campo di procedere alla soluzione della problematica in maniera competente, sistemica e nel rispetto delle leggi. Rimetto, pertanto, al mittente la richiesta di dimissioni e invito gli esponenti della Lega ad arricchire questa Amministrazione dei loro intendimenti utili per la soluzione della problematica qui evidenziata, evitando facili teatri di ancor più facili strumentalizzazioni”.

Il gruppo di minoranza “Rinnoviamo Diano”, a questo proposito, ha stigmatizzato quanto commentato su Fb da Forlano. “Tale atteggiamento – dichiarano – denota scarsa sensibilità ad una problematica che un amministratore dovrebbe tenere al primo posto nella sua agenda e un’inadeguatezza al proprio ruolo istituzionale. Questi atteggiamenti inconsulti, ai quali siamo purtroppo abituati, ci convincono sempre più del dilettantismo di questa compagine guidata da un sindaco al suo terzo mandato che, ‘da buon padre di famiglia’ non riesce a tenere a freno le intemperanze dei suoi consiglieri. Ci auguriamo che il primo cittadino prenda le dovute distanze, chiedendo pubblicamente scusa alla cittadinanza magari invitando il suo consigliere a dimettersi da un incarico che, stando ai risultati, non è nelle sue corde“.

– Paola Federico –


  • Articolo correlato:

27/1/2018 – Teggiano, LEGA:”Puliamo le strade e il consigliere Forlano ci accusa di averle sporcate. Si dimetta”

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*