Con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 novembre 2019, che sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale lunedì prossimo, è stata decisa l’Autonomia Amministrativa e la gestione unitaria ed integrata del Parco Archeologico di Elea-Velia e del Parco Archeologico di Paestum.

E’ stata accolta, così, dopo tre anni, la proposta formulata dal Consiglio Comunale di Ascea che mirava, tra l’altro, ad “abbreviare” e velocizzare i processi decisionali, ad ottimizzare le risorse dei due siti Unesco e ad estendere le attività di promozione e valorizzazione dei due Parchi Archeologici ad un contesto paesaggistico e culturale più ampio, fermo restando le diverse strategie di comunicazione in coerenza con le rispettive peculiarità.

Sono molto contento – afferma il sindaco di Ascea Pietro D’Angiolillodi questa svolta storica nell’organizzazione e gestione del Parco Archeologico di Elea-Velia e che, dopo anni di impegno, sia stata accolta la nostra proposta. Sono fermamente convinto che la nuova forma organizzativa/gestionale e la collaborazione tra il Comune di Ascea e gli Eenti deputati alla tutela, promozione e valorizzazione di Velia, favorirà il rifiorire, grazie anche a tutto il lavoro sinora svolto, del nostro sito archeologico e la crescita culturale, economica ed occupazionale del nostro territorio. Ringrazio Alfonso Andria per il grande lavoro svolto ed il Ministro Dario Franceschini per la sensibilità dimostrata e per la decisione storica“.

Questo nuovo traguardo – continua il sindaco di Ascea – è la dimostrazione che nella vita e nella politica bisogna avere le idee chiare, bisogna osare e bisogna percorrere fino in fondo la strada tracciata. Sono certo che si aprirà una fase nuova ed entusiasmante per il nostro Parco Archeologico e per il nostro territorio e che la cultura e la conoscenza delle nuove generazione dei valori tramandati dalla storia contribuiranno a guardare avanti con una maggiore fiducia e con la consapevolezza che il nostro grande passato ci accompagnerà verso un futuro più sereno“.

– Paola Federico –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*