Nell’ambito dei controlli a tutela dell’ambiente, la Guardia di Finanza di Salerno ha denunciato il titolare di un’impresa agricola, responsabile dello smaltimento illecito di scarti
di lavorazione ed altre sostanze inquinanti.

Le Fiamme Gialle della 1^ Compagnia sono intervenute quando, nei giorni scorsi, hanno individuato degli scarichi sospetti, provenienti da tubazioni interrate installate proprio nei pressi dell’azienda con sede a Pontecagnano, che produce, tra l’altro, latte e mozzarella di bufala. In base ai rilevamenti effettuati, il gestore dell’allevamento aveva predisposto una rete di
caditoie e pozzetti, che riversavano i liquami in due distinti canali, per poi sfociare nei corsi d’acqua limitrofi. Il tutto senza preoccuparsi, naturalmente, dei gravi danni ambientali così
provocati.

Con le stesse modalità avveniva anche lo scolo dei reflui di prodotti chimici, altamente nocivi per la salute, utilizzati per la pulizia dei locali e delle attrezzature della sala mungitura. Per arrestare il pericoloso sversamento dei liquidi contaminanti, che avrebbero continuato la loro corsa fino in mare, i militari hanno provveduto al sequestro delle condotte, imponendone la contestuale chiusura.

Denunciato alla Procura della Repubblica di Salerno l’imprenditore, che dovrà assicurare l’immediato ripristino delle condizioni per il corretto smaltimento dei liquami. Rischia le sanzioni penali dell’arresto fino ad un anno e dell’ammenda fino a 26mila euro.

Appena due mesi fa, nella Piana del Sele, i Finanzieri della Compagnia di Eboli avevano concluso un intervento analogo, sequestrando 8 aziende zootecniche non in regola con la normativa ambientale e, in alcuni casi, responsabili anche del maltrattamento degli animali.

– Chiara Di Miele –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*