https://farm6.staticflickr.com/5598/15240603058_58e45727ed_z.jpgGianni Paciello, il ventiduenne di Sassano accusato di omicidio colposo plurimo per aver investito e ucciso con la propria auto quattro giovani, tra cui il fratello di 14 anni, sarà dimesso dall’ospedale “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” tra oggi e domani.

Paciello è stato ricoverato nel reparto detenuti dal 28 settembre scorso, giorno in cui, alla guida della propria vettura, piombò sui tavolini di un bar della frazione Silla di Sassano uccidendo suo fratello Luigi di 14 anni, Daniele Paciello di 15 anni e i fratelli Nicola e Giovanni Femminella di 22 e 16 anni.

Il 22enne sconterà alla misura cautelare degli arresti domiciliari presso una struttura di accoglienza, che stando ad alcune indiscrezioni farebbe capo ad una ONLUS. Sembra certo che il giovane non tornerà nel Vallo di Diano.

La decisione di non far scontare i domiciliari al 22enne nella sua abitazione di Sassano a quanto pare sembra sia stata adottata anche per motivi di ordine pubblico. Nelle scorse settimane, infatti, sono state raccolte centinaia di firme per chiedere che il giovane non rientri in paese.  L’iniziativa è stata presa da familiari ed amici dei quattro ragazzi.

– Erminio Cioffi –


 – Articolo correlato –


10 Commenti

  1. Assurdo da 15 anni che doveva fare ai domiciliari direttamente il PM gli dovrebbero fare a lei un doloro cosi enorme per capire.

  2. E poi il Papa viene a dire che bisogna eliminare l’ergastolo o la pena di morte. E qual e’ il problema per l’Italia? l’ergastolo è solo sulla carta e anche a chi è ergastolano gli danno le licenze premio !!!!!!! ma dico io ma cosa bisogna fare per buttare le chiavi e marcire in quattro mura a pane e acqua?

  3. senza parole..in isolamento dv stare questo pazzo..bestia..

  4. Che vergogna…

  5. Ma come si puo’ non ho parole so che anche se non conoscevo quei ragazzi ancora piango per loro immagino quei genitori non ho parole.so che viviamo in italia schifosa

  6. Ma solo arresti domiciliari sul serio? La legge italiana ha toccato proprio il fondo. Si parlava di omicidio volontario e adesso siamo passati ai domiciliari? Che schifo. Ognuno può fare che vuole in questo paese di m****

  7. Liopleurodon says:

    Visto che i domiciliari
    erano sicuri, la decisione del giudice mi sembra piú che saggia, a Sassano si sarebbero scatenati tumulti incontrollabili.

    Ma a questo ragazzo, matto, ammorbato dal mito delle auto veloci e dalle corse, vale la pena concedergli una possibilitâ di recupero?

  8. giampiero says:

    andate tutti a fanculo legge uguale merda. a me diversi anni fa per uno spinello del cazzo mi stavano dando l’ergastolo e mo questo con 4 e dico 4 vittime alle spalle i domiciliari, lo giuro su dio ke il primo ke mi viene della legge lo sparo in faccia.legge di merda, tanto i domiciliari sono assicurati.

  9. speriamo che sia molto lontano portatelo in comunita’ e lasciatelo x anni in isolamento a meditare x quello che ha fatto ,si metta nei panni dei genitori di Nicola e Gianni come faranno a perdonarlo visto che hanno perso tutto, e nei panni dei genitori di Daniele e nei panni dei tuoi genitori x quello che hai fatto ,ringrazia la legge italiana ma non dimenticare mai che Dio esiste, e prima o poi i genitori dei giovani angeli avranno giustizia… Michele

  10. Che schifo!!!!!!!Non mi va di dire altro…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*