Un monumento per non dimenticare. Una cerimonia per dire, ancora una volta, “noi ci siamo. Siamo qui con voi genitori, per aiutarvi a portare quel terribile peso che da due mesi vi opprime”.

E’ stato questo il messaggio che gli amici di Nicola e Giovanni Femminella, di Daniele e Luigi Paciello, i quattro angeli della strage di Sassano, hanno voluto trasmettere ai familiari delle vittime con la realizzazione di un’opera scultorea in loro ricordo.

Il monumento per i quattro ragazzi e per tutte le vittime della strada è stato collocato nel piazzale che si trova tra la chiesa della Madonna di Pompei ed il bar “New Club 2000“, dove il 28 settembre scorso, hanno perso la vita i quattro ragazzi di Sassano dopo essere stati travolti, mentre erano davanti al locale, dalla furia di un’auto alla cui guida c’era il 22enne, Gianni Paciello, fratello del piccolo Luigi.

Una pietra sulla quale poggia un gigantesco pallone in bronzo, simbolo della passione per il calcio che legava i quattro amici è stata inaugurata, infatti, ieri mattina nella frazione di Silla dal parroco don Bernardino Abbadessa e dal sindaco Tommaso Pellegrino.

Con una forza incredibile ed un dolore composto hanno preso parte alla cerimonia anche i genitori delle vittime.

Gli amici dei quattro angeli, riuniti sul luogo dell’incidente per diversi giorni hanno portato a Silla, ognuno la sua idea, il suo “talento”, il suo “lavoro”, ma soprattutto il cuore per dare “vita” e forma alla loro idea.

Un Padre Nostro accorato, tenendosi per mano, a conclusione della cerimonia è stato rivolto al Signore da parte di tutti presenti, per affidare a Cristo le quattro giovani vittime. Dopo la benedizione gli amici ed i familiari dei ragazzi, in silenzio, hanno voluto trattenersi ancora un po’ sul luogo della strage per ricordare con la preghiera Giovanni, Nicola, Luigi e Daniele.

Giovanna Quagliano


  


2 Commenti

  1. Certo non servira’ a dimenticare quanto e successo ma vedo che non solo i genitori delle vittime sono presenti e non e facile in particolare dei genitori di Nicola e Gianni Cono e Lina ma vedo con piacere che la gente ha incominciato a capire che bisogna educare i nostri giovani e perché no anche il ricordo di un simbolo aiutera’ a capire che la vita e sacra un abbraccio a tutti i genitori vi siamo vicini grazie Michele Setaro

  2. Mario Senatore says:

    E’ stata, questa, un’iniziativa concreta che sottolinea l’alto livello di civiltà di Sassano, del suo senso di solidarietà, di testimonianza dei suoi antichi valori.
    Mi compiaccio con tutti quei giovani di oggi e di ieri per questo alito d’amore che continuerà sicuramente a soffiare nel tempo.
    Mario Senatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*