A 28 anni dalla Strage di Capaci in cui persero la vita il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta, anche il Vallo di Diano ricorda tutte le vittime della mafia.

Il Comune di Atena Lucana ha accolto l’invito della Fondazione Giovanni Falcone di esporre un lenzuolo bianco in ricordo di tutte le vittime della mafia e in difesa della legalità.

“Oggi nella giornata della legalità celebriamo il coraggio di chi in questi mesi si è prodigato per il bene della Nazione anche a rischio della vita – fanno sapere dall’Amministrazione – Medici, infermieri, farmacisti, volontari della Protezione Civile, operai, commesse dei supermercati, rider, Forze dell’Ordine e tutti coloro che sono rimasti al loro posto per permettere al Paese di andare avanti. Eredi morali di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e di tutte le vittime della mafia che ci hanno inisegnato che solo con l’impegno individuale si raggiunge il bene collettivo”.

Anche Polla ha ricordato la Strage di Capaci con una cerimonia in Piazza “Mons. Forte”. All’evento ha preso parte l’Amministrazione Comunale che ha osservato un minuto di silenzio in ricordo delle vittime.

Diversi i Comuni valdianesi che hanno esposto un lenzuolo bianco come simbolo di legalità. Si tratta di una richiesta fatta dalla sorella di Giovanni Falcone, Maria, ed è stata concretizzata dall’ANCI che ha chiesto a tutti i Comuni di aderire all’iniziativa e di osservare un minuto di silenzio.

– Claudia Monaco –

 

Un commento

  1. Anche una semplice azione vale un ricordo per dei Grandi Uomini. Ben fatto, le nuove generazioni non devono dimenticare.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*