“Che vergogna lo stato di abbandono della Chiesa della Madonna di Loreto”, con questo slogan la sezione di Legambiente di Eboli ha reclamato l’incuria della Chiesa che si trova tra Eboli e Olevano sul Tusciano con un sit- in di protesta svoltosi nella giornata di Halloween.

Nell’ambito della campagna nazionale Salvalarte, dedicata alla valorizzazione e alla salvaguardia del patrimonio culturale, hanno deciso di porre l’attenzione su un bene che oggi versa in stato di abbandono e degrado come la Chiesa della Madonna di Loreto, con la conseguenza di un probabile deterioramento degli affreschi custoditi al suo interno databili dal 1530 al 1700.

Le autorità che ne hanno la responsabilità dovrebbero tutelare e custodire queste opere uniche nel loro valore storico, artistico e culturale. – reclamano i manifestanti – Negli anni, associazioni e singoli cittadini hanno denunciato la mancanza di attenzione. I beni culturali minori sono un patrimonio fondamentale per lo sviluppo del turismo locale e quindi dell’economia dei territori”.

Legambiente Silaris di Eboli si impegna costantemente nella messa alla ribalta di situazioni di degrado col fine di salvaguardare il bene pubblico sia dal punto di vista ambientale che culturale.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano