Francesco Macrì, giovane imprenditore che opera nel campo dell’edilizia, da quattro stagioni ha sposato la causa del Futsal, partendo dal campionato di base, la serie D. Accettando l’invito di un gruppo di amici si mette alla presidenza del Dolce Vita Sala Consilina. Dopo una stagione di ambientamento cominciano ad arrivare i primi risultati (finale playoff); poi il salto in C2 dove centra un’altra finale.

L’estate scorsa, poi, la scelta di sposare l’ambizioso progetto dello Sporting Sala Consilina ed entrare nel gruppo dirigente.

Dopo aver preso familiarità con questa disciplina per me è stato facile accogliere l’invito del co-presidente Giuseppe Detta – afferma Francesco Macrì -, con il quale tra l’altro la stagione scorsa avevo condiviso l’esperienza in C2. Sono soddisfatto della scelta fatta anche alla luce dei risultati che stiamo conseguendo e con la serie B messa nel mirino. Abbiamo allestito un team dirigenziale di primo livello che coinvolge tanti imprenditori del territorio e, avvalendoci di un direttore sportivo come Daniele Campanelli, è stata allestita una squadra che vince  facendo divertire. Ora manca davvero poco per dare il via ai festeggiamenti“.

Poi Francesco Macrì si sofferma anche sull’imprevista tegola che si è abbattuta sulla testa della società, relativa alla chiusura del Palazingaro: “Per noi è stato come un fulmine a ciel sereno che, oltre a penalizzare la squadra, finisce per creare disagi ai nostri tanti tifosi che avranno difficoltà a seguirci. Dall’Amministrazione comunale di Sala Consilina ci assicurano che i tempi non saranno lunghi, per cui siamo fiduciosi, anche perché è nostra intenzione festeggiare la promozione nel nostro impianto. Inoltre, stiamo valutando diverse soluzioni per trovare la struttura che ci possa ospitare nel prossimo campionato nazionale“.

– Redazione Sportiva –

Scrivi un commento. Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamatori e razzisti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*