Ha svuotato i conti di alcuni clienti del Potentino approfittando anche dell’età avanzata di alcuni di loro e si è impossessato di circa 200mila euro.

Per questo motivo, un impiegato di Poste Italiane è stato condannato dal Tribunale di Potenza a sei anni e tre mesi di reclusione, con l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Si tratta di somme che gli anziani avevano negli uffici postali di Potenza, Pignola e Trivigno.

Secondo l’accusa l’uomo, di Potenza, dal 2014 in poi aveva convinto alcuni anziani con raggiri di vario genere tra libretti e buoni fruttiferi a recuperare una somma di denaro tramite prelievi, trasferimenti e anche l’utilizzo di alcune carte delle Poste. Da parte dell’accusa anche la contestazione di aver sottratto dei soldi da una polizza assicurativa.

La Procura della Repubblica aveva chiesto la condanna a tre anni e quattro mesi di reclusione.


  • Articolo correlato:

25/10/2021 – Accusato di aver sottratto 230mila euro di risparmi. Impiegato delle Poste di Potenza rischia condanna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano