Oggi dedichiamo la nostra attenzione ad un’altra fascia della popolazione che ha subito enormi disagi a causa dell’emergenza Covid-19: gli studenti universitari fuori sede. Sono tantissimi i ragazzi lucani impegnati negli studi universitari che si son visti bloccati nel loro percorso di studi negli ultimi due mesi. Ragazzi che studiano lontano dalla propria città di residenza e vivono in appartamenti presi in locazione“. Lo affermano i consiglieri del Movimento 5 Stelle della Regione Basilicata, Perrino, Carlucci e Leggieri che sull’argomento hanno presentato una mozione.

Molti di loro – proseguono gli esponenti M5s – non usufruiscono dei benefici economici (borse di studio o altre provvidenze) o dei servizi abitativi erogati dall’Ardsu (Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Basilicata) o da altri enti universitari pubblici e privati. Nella maggior parte dei casi sono le famiglie che provvedono alla corresponsione dei canoni di locazione ai proprietari delle unità immobiliari nelle città sedi universitarie, come Potenza, Matera o Bari“.

L’emergenza in atto ha bloccato l’economia e la gran parte delle famiglie ha visto paralizzate le entrate a causa dello stop forzato. Per molte di queste famiglie è diventato oggettivamente difficile garantire il pagamento dei canoni di locazione dei propri ragazzi.

Alcune regioni come Umbria ed Emilia Romagna – aggiungono i consiglieri Perrino, Carlucci e Leggieri – hanno provveduto già ad adottare misure di sostegno all’affitto per studenti fuorisede. Riteniamo opportuno che anche la Regione Basilicata debba procedere in questa direzione. Abbiamo, pertanto, chiesto l’impegno del governo regionale attraverso una mozione urgente. È lo stesso statuto della Regione Basilicata a riconoscere il ruolo della famiglia e a tutelare il diritto allo studio“.

– Paola Federico –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*