Sono pronto a bloccare il depuratore del mio comune ed essere denunciato per inquinamento ambientale! Solo con questa provocazione forse emergerà una situazione vergognosa“.

A dichiararlo è il sindaco di Caselle in Pittari Giampiero Nuzzo che con questo sfogo esprime “rabbia, indignazione, ma soprattutto l’impotenza e la frustrazione di un amministratore che nella primavera del 2014, dopo tanto impegno, ha acquisito decreto di finanziamento e pareri per costruire un nuovo depuratore e si vede costretto, dopo 6 anni, a passare un’altra estate con i lavori ancora da avviare“.

Il depuratore di Caselle in Pittari, come sottolineato dal primo cittadino, è, come tanti, sottodimensionato perché vecchio e in questo periodo di massima affluenza turistica mostra i suoi limiti.

Giuste e comprensibili sono le lamentele dei miei concittadini, e non solo, che però dovrebbero essere rivolte verso altre direzioni – afferma Nuzzo -. Una situazione paradossale e, ormai, insostenibile che non solo ho il dovere morale di denunciare ma rispetto alla quale non starò in silenzio, intraprendendo ogni legittima iniziativa, fin quando non verrà risolta“.

– Paola Federico –

Un commento

  1. L’attacco però non è sempre la migliore difesa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*