Il sindaco di Eboli Mario Conte si dice “sconcertato” dalla proposta del PD cittadino di alleggerire parte dei compiti svolti dalla Polizia Municipale, affidandoli ai dipendenti comunali, al fine di poter garantire una maggiore loro presenza in strada. “Dopo anni di silenzio siamo compiaciuti che la sicurezza in città sia ora anche una preoccupazione del PD. Quello che ci sconcerta, però, è che abbiano proposto di spostare i dipendenti comunali a svolgere alcuni compiti propri della Polizia Municipale, come se ignorassero la normativa che affida alla Polizia Locale compiti specifici che altri non possono svolgere, quali ad esempio alcuni tipi di controlli antiabusivismo oppure i compiti di Polizia Giudiziaria o anche gli accertamenti anagrafici a domicilio” ha affermato il primo cittadino di Eboli.

La risposta da parte del Gruppo Consiliare del PD ebolitano non è tardata ad arrivare. “Il suo sconcerto è anche il nostro – affermano -. Il sindaco, che è anche avvocato, dovrebbe sapere, e di certo sa, che nulla impedisce che l’esercizio delle funzioni diverse da quelle specifiche ed esclusivamente riservate, ex lege, alla sola Polizia Municipale sia legittimamente affidato al personale amministrativo del Comune. La normativa, nel rispetto delle autonomie organizzative e funzionali, legittima la presenza del personale amministrativo comunale all’interno della Polizia Municipale proprio al fine di offrirne un disimpegno dei servizi di supporto tecnico. La ratio è evidentemente quella di garantire, specie in una condizione di carenza di organico o di aumentate esigenze di sicurezza, una più funzionale distribuzione dei compiti e ottenere, anche per questa via, meno agenti negli uffici e più sul territorio”.

“Si sono già sperimentate nel nostro Ente pratiche virtuose di collaborazione tra il personale amministrativo e quello della Polizia Municipale – continuano – nell’ottica di un più efficace raggiungimento dell’interesse pubblico quale senz’altro è quello della pubblica sicurezza, ad oggi ad Eboli innegabilmente compromesso. Il sindaco, che sovraintende il Corpo della Polizia Municipale e, anche attraverso l’assessore delegato, ha il compito di impartire le direttive di certo sa anche che numerosissime sono le attività che gli agenti svolgono, non inquadrabili come funzioni esclusivamente proprie del corpo di Polizia Municipale. Così è, per esempio, per tutta la corposa ed assorbente attività amministrativa interna che di certo toglie molto tempo alla possibilità di un’effettiva presenza in strada”.

I democratici ebolitani hanno poi aggiunto che bisognerebbe valutare l’opportunità di predisporre un servizio di vigilanza esterno nei mercati rionali, prendendo esempio dal Comune di Salerno, aggiungendo che la Polizia Municipale ha anche una nuova sede e nuovi automezzi dal 2018 ed è necessario che ci sia la loro presenza sul territorio. “In un momento di allarme e preoccupazione, che non affligge solo il PD ma tutti i cittadini ebolitani, le azioni concrete, anche da assumere in forma sperimentale, non sono più rinviabili. Respingiamo al mittente anche le accuse di faziosità, ricordando, laddove fosse sfuggito, che il Partito Democratico ha responsabilmente votato in maniera favorevole la delibera del Consiglio monotematico sulla sicurezza. Quello che si sollecita non è l’ennesimo elenco delle cose da fare – concludono – ma il resoconto, non pervenuto, dei risultati concreti prodotti a beneficio di tutti”.

Del resto il primo cittadino di Eboli proprio in queste ore ha annunciato che giunge una rassicurazione dal Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri, il Colonnello Gianluca Trombetti. “Come più volte chiesto da questa Amministrazione comunale – dichiara Conte – i controlli e la presenza dei Carabinieri sul territorio saranno, sin da subito, intensificati. Non solo, il Colonnello ha aggiunto che in Procura vi sono indagini in corso e che presto si potranno constatare i risultati. Allo stesso tempo è fondamentale, come più volte ribadito in questi mesi, tenere l’attenzione alta perché anche dei micro-fenomeni delinquenziali possono diventare sistema criminale. Sarà fondamentale combattere su più fronti con indagini, prevenzione, repressione e coinvolgimento di associazioni, famiglie, chiesa e scuola per una maggiore educazione sociale”.

  • Articolo correlato:

26/3/2022 – Criminalità ad Eboli. Il gruppo Pd sollecita interventi per una città più sicura

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.