“Serve una risposta seria e determinata da parte del nuovo Governo per far uscire le imprese dalla crisi determinata dalla pandemia. Un Governo che crei vere condizioni per una sera ripartenza. Ecco perchè attendiamo che in Parlamento, durante il voto di fiducia, Draghi prenda impegni precisi indicando subito sulle proposte sulle molteplici questioni e problemi che assillano e stanno mettendo in ginocchio il popolo  dei contribuenti e delle imprese”.

A sostenerlo è il presidente nazionale di Confedercontribuenti, Carmelo Finocchiaro.

Faccia lo stesso anche il nuovo ministro all’Economia, Franco, da cui ci aspettiamo segnali precisi ed incisivi per affrontare i temi che gravano sui contribuenti – continua – Vigileremo affinchè questo accada e per capire da che parte sta. Noi di Confedercontribuenti chiediamo al Ministro di attivarsi subito per rinviare a giugno le notifiche delle cartelle esattoriali e gli atti dell’Agenzia delle Entrate perchè serve varare l’immediata rottamazione con modalità di rateizzazione compatibili con la situazione reddituale di ognuno ovvero con rate che non eccedano di oltre il quinto del reddito del contribuente alla data attuale, ma anche il saldo e lo stralcio per quelli meno abbienti. Chiediamo anche lo stop alle aste giudiziarie, alle azioni esecutive e al mercato, ormai invasivo dei cosidetti crediti deteriorati”.

“Questo – aggiunge il presidente Finocchiaro- è quanto chiede Confedercontribuenti senza se e senza ma! Adesso serve un’azione concreta, perché altrimenti del Governo Draghi rischiamo di subire delusioni e lo stesso Recovery fund verrà varato sulle maceria della piccola e media impresa italiana. Questo governo non deve servire solo a fare quadrare i conti con l’Europa, ma a ridare fiato e prospettive concrete allo sviluppo dell’economia italiana”.

– Claudia Monaco –

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano