Sfregiò con un coltello il viso della rivale in amore, condannata a 4 anni e 8 mesi. Questo quanto accaduto ad una 15enne di Eboli che nello scorso mese di marzo, per motivi di gelosia, prese un coltello e colpì una sua coetanea, in precedenza amica.

Come si legge sul quotidiano “La Città di Salerno“, la condanna è giunta dal Tribunale dei Minorenni di Salerno per lesioni personali gravi.

Le due ragazze si trovavano di sera in Piazza della Repubblica ad Eboli e a scatenare la violenta lite fu un ragazzo conteso. Sembra che la 15enne condannata si fosse innervosita per uno scambio di sguardi tra la vittima e il giovane. Così impugnò il coltello e sferrò un fendente al volto della rivale, sfregiandola.

Dalla ricostruzione dei fatti ad opera degli inquirenti sembra ci fosse stata una prima lite verbale. La 15enne, tornata a casa, prese il coltello e uscì di nuovo per recarsi in piazza. Poco lontano, in via XXIV Maggio, tirò fuori dalla tasca l’arma e colpì la coetanea che fu soccorsa e portata in ospedale.

I giudici, che si sono riservati le motivazioni, hanno condannato la giovanissima ebolitana in primo grado ritenendo il suo gesto violento e assurdo per la futilità dei motivi che lo hanno scatenato.

– Chiara Di Miele –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*