Settore Oil & Gas Covid free: questo lo scopo che ha ispirato la campagna vaccinale organizzata presso la Zona Industriale di Viggiano da Confapi Potenza presso la sede dell’Assoil School.

Oggi è in programma la seconda giornata dell’iniziativa che porterà al completamento della campagna vaccinale. Complessivamente, l’Hub vaccinale ha ospitato più di 300 unità lavorative di oltre 40 aziende coinvolte nelle attività dell’indotto petrolifero della Val d’Agri. La scelta della sede dell’Associazione Assoil School non è stata casuale o simbolica ma è stata improntata a criteri di massima affidabilità in termini di efficienza ed efficacia organizzative.

Grande soddisfazione è stata espressa dal Presidente dell’Associazione, Pasquale Criscuolo, secondo il quale “l’attivazione dell’Hub vaccinale presso la Zona industriale di Viggiano, pensata in sinergia e in partnership con Confapi Potenza, ha rappresentato l’ultimo dei tanti passi importanti che le aziende dell’indotto petrolifero in Val d’Agri hanno effettuato in un percorso volto a tutelare la salute dei propri dipendenti in conseguenza della situazione emergenziale legata alla diffusione pandemica. La previsione e l’applicazione di stringenti protocolli ci hanno consentito di mantenere attivi i processi produttivi in quasi assoluta e totale sicurezza. Quest’ultimo passo ci permetterà, ancor più, di tornare gradualmente a quella normalità che rappresenta un traguardo e un obiettivo non soltanto economico e produttivo ma anche sociale ed umano”.

La realizzazione dell’Hub vaccinale di Viggiano ha rappresentato un esempio di proficua collaborazione per gli organizzatori di questa iniziativa, di profilassi sanitaria che ha visto coinvolto un corposo numero di realtà produttive di ogni comparto dell’indotto petrolifero della Val d’Agri. “A questo proposito – sottolinea il Presidente di Assoil School – un sentito e sincero ringraziamento va rivolto a tutta la filiera organizzativa, a partire da Confapi, nella persona del Direttore Vincenzo Albano, ed esteso alla Direttrice dell’Assoil School Ida Leone, fino a Luigi Lavecchia e a tutti coloro che in questa iniziativa si sono spesi, profondendo i loro sforzi e le loro energie.”

Il modello multiaziendale di estensione della campagna vaccinale ha permesso di ottimizzare, a vantaggio della sanità pubblica, la velocità nella somministrazione dei vaccini, consentendo di raggiungere, in tempi più celeri, una copertura vaccinale adeguata e utile ad una maggiore sicurezza sui luoghi di lavoro. Un’ammirevole iniziativa di sanità pubblica, rivolta a tutela dei lavoratori, dei cittadini e delle comunità, che renderà ancora più efficace il percorso vaccinale valligiano, nel pieno rispetto delle priorità definite negli atti di indirizzo nazionali e regionali.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.