“L’esempio di valorose persone deve essere trasmesso ai posteri e deve indurre la comunità lucana e le istituzioni a rinnovare i sentimenti di gratitudine nei confronti dei servitori dello Stato, che all’estero tutti i giorni rischiano la vita”.

Così il consigliere regionale di Prospettive Lucane, Carlo Trerotola, in occasione dell’anniversario dell’eccidio di Kindu.

“Sessanta anni fa, l’11 novembre 1961, a Kindu, nell’ex Congo Belga – ha ricordato Trerotola – si verificò l’atroce agguato che costò la vita a 13 avieri italiani impegnati in una missione di pace dell’Onu per assistere le popolazioni locali. Tra i militari trucidati anche il potentino Nicola Stigliani, Sergente Maggiore montatore che ad appena 30 anni, da vero e proprio martire, fu sottratto agli affetti dei suoi cari per servire la Patria in una delicata operazione internazionale finalizzata alla costruzione della pace in un territorio dilaniato da conflitti tribali e sanguinari”.

 

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano