Il segretario territoriale del sindacato Nursind, Biagio Tomasco, ribadisce la necessità di internalizzare il servizio 118 dell’ASL Salerno a mezzo manifestazione d’interesse di tutti gli infermieri attualmente collocati nella graduatoria dell’avviso pubblico dell’azienda sanitaria.

Relativamente alla problematica delle varie Croci che si occupano del servizio 118 in provincia di Salerno, il sindacato ritiene tale procedura ineludibile per sradicare alcune “mal practice che su dette ambulanze avvengono, non ultima quella dello sfruttamento lavorativo di tanti giovani che si vedono riconosciuto il loro operato con somme orarie ridicole che non arrivano ai 5 euro l’ora, cosa di cui chiediamo un
sollecito riscontro da parte dell’OPI provinciale, stante la mancata applicazione delle tariffe individuate dall’OPI stesso in materia“.

E’ dal Decreto 49 che si declina la fattispecie per cui il servizio 118 debba rientrare nell’esclusiva gestione dell’ASL Salerno, “senza che nulla sia stato fatto in tal senso – dichiara Tomasco – e considerato che la Regione Campania abbia inteso, nell’anno 2016, abbandonare la strada che portava alla costituzione di un’Agenzia regionale per l’emergenza, e contestualmente abbia individuato in ciascuna ASL campana la gestione dell’emergenza urgenza e delle reti tempo dipendenti, riteniamo sempre più utile addivenire ad un modello organizzativo che veda la centralizzazione del servizio 118 e trasporto infermi in capo all’ASL Salerno, senza alcun intermediario“.

Con l’ultima stesura del Patto per la Salute del 18 dicembre, alla scheda 3 punto 1 si declina di voler variare la percentuale di incremento della spesa di personale fissata in misura pari al 5% con il 10%, così si aprirebbe la strada per l’immissione in ruolo di nuovo personale, già formato e con pluriennale esperienza, nel sistema 118 della provincia di Salerno, che potrebbe essere riutilizzato nei momenti di quiescenza del servizio 118, all’interno dei Pronto Soccorso, sanando la carenza di personale in tali settori.

Sempre nel Patto per la Salute 2019/2021, dall’anno 2020 il Comitato Lea effettuerà annualmente la valutazione basata sul nuovo sistema di garanzia, inerente la qualità, appropriatezza ed efficienza dei servizi sanitari regionali, – prosegue –riteniamo sempre più cogente la gestione interna del servizio 118 da parte di ciascuna azienda sanitaria, che in tal modo potrebbe monitorare con maggiore incisività le criticità e le eccellenze del servizio stesso, ponendo in essere tutti i fattori di correzione necessari al suo miglior funzionamento“.

– Chiara Di Miele –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*