Una vita dedicata alla tutela del territorio, alla salvaguardia dell’ambiente. Quando c’era da proteggere il nostro territorio, da sostenere cittadini contro discariche illegali e roghi tossici in Campania, lui c’era sempre“. Così Luigi Di Maio, capo politico del Movimento 5 Stelle e ministro degli Affari esteri, ricorda il senatore Franco Ortolani, venuto a mancare nella notte a causa di una grave malattia contro la quale stava lottando da tempo.

Lo ricordo con grande affetto, – afferma Di Maio – non solo per il suo grande lavoro da Senatore del Movimento 5 Stelle. Nel 2007 ero Presidente dell’associazione degli studenti di Giurisprudenza e del Consiglio degli Studenti di Facoltà. Riuscimmo ad ottenere un’intervista con l’allora Commissario all’emergenza rifiuti in Campania Gianni De Gennaro. Lo avevamo incalzato su una serie di questioni cocenti che riguardavano la nostra terra e le nuove discariche che si volevano realizzare. Dopo averla pubblicata online, sui nostri canali YouTube il Prof ci scrisse dandoci una visione critica di quella intervista rispetto alle parole del commissario. Ci disse che avrebbe voluto aiutarci volentieri nelle questioni che stavamo affrontando. In questa breve storia c’è la disponibilità e l’umiltà di un professore universitario che si metteva a disposizione di un gruppo di studenti, per amore della verità. Questo era Franco“.

Di Maio evidenzia poi che “se tante comunità in Campania non sono state intossicate da discariche o impianti inquinanti, lo si deve al professor Franco Ortolani“.

E, commosso, chiosa con l’ultimo saluto al senatore geologo:”Grazie Franco, tutto il Movimento ti abbraccia“.

– Chiara Di Miele –


  • Articolo correlato:

23/11/2019 – E’ morto il senatore Franco Ortolani. Note le sue battaglie ambientaliste per il Vallo di Diano e il Cilento

  • Leggi anche

23/11/2019 – “Il Vallo di Diano perde un grande sostegno”. Il cordoglio di Raffaele Accetta per la morte di Ortolani

23/11/2019 – Morte di Ortolani. La Presidente No Terna Rotella:”Si porti avanti il suo patrimonio scientifico”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*