È stato un botta e risposta tra maggioranza e opposizione il Consiglio comunale che si è tenuto nei giorni scorsi presso il Comune di Torraca. A tenere banco è stata la questione relativa alla riapertura della piscina comunale, colpita lo scorso febbraio dall’aeromoto che distrusse l’intera copertura e la vetrata perimetrale. Per il gruppo di opposizione “Più uniti per Torraca” i lavori dovevano essere completati entro 90 giorni dallo straordinario evento climatico che colpì il territorio.

I tempi stabiliti da questa Amministrazione per il ripristino della struttura non sono stati rispettati – ha dichiarato il consigliere di minoranza Domenico Bruno –  I lavori sono terminati lo scorso ottobre e tuttora la piscina non è in funzione“.

A tali accuse il Sindaco Francesco Bianco ha risposto per le rime. “Abbiamo cercato di reperire i fondi necessari al ripristino della piscina e dell’aula polifunzionale nel più breve tempo possibile – ha dichiarato – Infatti a distanza di pochi mesi dall’accaduto la struttura è di nuovo agibile. Adesso però, affinché si riprendano le regolari attività, è necessario tramite un apposito bando trovare un nuovo gestore, dato che la precedente società ha deciso di rescindere il contratto“.

La minoranza ha poi puntato il dito sulla pericolosità della strada che collega Torraca a Sapri. In alcuni tratti infatti si è verificata la caduta di alberi presenti ai bordi della carreggiata.

La situazione è ben chiara a tutti – ha ribattuto il Sindaco – ma si tratta di arbusti presenti in terreni appartenenti a privati cittadini che dovrebbero provvedere al taglio degli alberi, come richiesto già con una apposita delibera del 2013“.

Il Consiglio si è concluso con un plauso da parte dell’intera Amministrazione a Giuseppe Amato, dipendente della ditta autorizzata allo smaltimento dei rifiuti, che su richiesta del cittadino Franco Cartolano, è riuscito a ritrovare nella spazzatura una ingente somma di denaro, finita per errore tra i rifiuti, e riconsegnarla al legittimo proprietario.

– Maria Emilia Cobucci –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*