L’Amministrazione comunale di Sassano, dietro proposta dell’Assessorato ai Lavori Pubblici e all’Urbanistica guidato dal Geom. Antonio D’Amato, ha deliberato lo stanziamento di 180.000 euro, nell’ambito delle disponibilità economiche delle Opere Pubbliche della ripartizione dei fondi ex lege 32/92,  per la copertura finanziaria di “progetti pilota” tesi alla demolizione di immobili pericolanti presenti nel centro storico del paese e alla riqualificazione delle aree occupate da questi ultimi. Per portare a compimento questo obiettivo saranno ovviamente individuati i legittimi proprietari dei fabbricati, procedendo a un esproprio coattivo o bonario a seconda dei casi. Dopodichè saranno realizzate, sugli spazi ormai lasciati vuoti a seguito delle demolizioni, delle aree da destinare a parcheggio o a verde pubblico. Inoltre verranno realizzati degli scatolari con al piano terra la creazione di posti auto e al primo piano un “tetto giardino” da utilizzare come area verde.

“Da parte mia e del sindaco Pellegrino vi è la massima soddisfazione per questi lavori – ha dichiarato l’ass. D’Amato –  in quanto per la nostra amministrazione rappresentano un segno di massima attenzione per il centro storico cittadino, che da troppo tempo è stato abbandonato al suo destino e con scarsissimo interesse”. L’Assessorato all’Urbanistica, inoltre, ha inserito all’interno del redigendo PUC un piano di recupero indispensabile per qualunque azione di pianificazione e di intervento nel centro storico.

“A giorni vedremo l‘inizio dei lavori della nuova casa comunale, che prevedono la demolizione parziale dei corpi che ‘oscurano’ il Corso Umberto I, inoltre il nuovo progetto ‘S@ss@no intelligente’ prevede l’implementazione di tecnologia itc proprio all’interno del centro storico e a breve inaugureremo il Palazzo Picinni che sarà adibito a palazzo dei giovani, delle associazioni e a museo multimediale. Tante piccole cose – conclude D’Amato – che, se messe insieme, di sicuro migliorano qualcosa”.

– Chiara Di Miele –


 

Commenti chiusi