La scorsa notte, a Sapri, una signora del posto in forte stato di agitazione emotiva, ha telefonato alla Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri, segnalando che un proprio parente, in preda ad una forte crisi depressiva, in località “Canale di Mezzanotte” della SS.N.18 – Km 220÷400, manifestava evidenti intenti suicidi, a causa dei problematiche familiari ed economici.

Prontamente giunto sul posto, l’appuntato scelto Giovanni Antonio Sarcinella e l’appuntato Giovanni Scarpino del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Sapri, hanno notato B. M. 35enne di Sapri, in uno stato di agitazione e disperazione, in piedi sul paracarro dell’area di sosta, che minacciava di lanciarsi nel sottostante dirupo a picco sul mare e da una altezza di oltre 100 metri.

Superati i primi attimi di incredulità per quanto stava accadendo, i militari sono intervenuti con grande coraggio e sprezzo del pericolo e, approfittando di un momento di distrazione del giovane che in quel frangente si stava lasciando cadere, reggendosi con le soli mani a un palo segnaletico, considerando l’imminente grave pericolo, prontamente e con mossa fulminea sono intervenuti afferrando il 35enne, riuscendo così a portarlo in sicurezza ed immobilizzarlo, evitandone la caduta nel dirupo.

L’intervento, apprezzato dalle numerose persone presenti, oltre ad evitare un tragico epilogo ha consentito poi di riportare alla ragione il malcapitato che, una volta tranquillizzato, è stato accompagnato presso il pronto soccorso dell’ospedale civile di Sapri.

– redazione –


 

Commenti chiusi