Un’ordinanza del sindaco di Sanza Francesco De Mieri denuncia un focolaio della malattia infettiva “Bluetongue” (“Lingua Blu”) in un allevamento ovi-caprino del posto.

In seguito a una segnalazione del Servizio Veterinario dell’Asl di Salerno – Distretto Sanitario di Sala Consilina è stato confermato un focolaio di febbre catarrale dei piccoli ruminanti  in alcuni capi presenti nell’allevamento.

Allo scopo, quindi, di adottare i provvedimenti necessari atti ad impedire la diffusione di un’epidemia che causerebbe ingenti danni agli allevamenti ovini, il primo cittadino ha ordinato: il sequestro fiduciario dei capi di bestiame; il censimento ufficiale degli animali, con indicazione per ciascuna specie del numero degli animali già morti, infetti o suscettibili di esserlo; il censimento dei luoghi che possono favorire la sopravvivenza del vettore o che possano contenerlo e in particolare dei luoghi propizi alla sua riproduzione; il divieto di movimento degli animali in entrata e in uscita dall’azienda, salvo in caso di macellazione immediata in impianti situati nella zona di protezione; il ricovero degli animali in ambienti protetti dalle incursioni del vettore; il trattamento con insetticidi autorizzati e il trattamento all’interno e nei dintorni dei fabbricati interessati; l’abbattimento dei capi che il Servizio Veterinario ritiene possano propagare la malattia; la distruzione, eliminazione, incenerimento o sotterrazione delle carcasse di animali morti o abbattuti in azienda; l’effettuazione dell’indagine epidemiologica.

– redazione – 


 

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano