Angelo Ciorciari AviereL’Amministrazione Comunale di Sanza, guidata dal sindaco Francesco De Mieri, ha deciso di intitolare la piazza antistante il centro polifunzionale all’aviere scelto Angelo Ciorciari.

Ciorciari, classe 1919, fu chiamato alle armi nel ’39 e assegnato in qualità di aviere nella Regia Aeronautica che, nel 1942, lo promosse aviere scelto. La storia umana e militare di Angelo è toccante ed è simbolo di quello che fu un patriottismo capace di sfidare anche la morte. Infatti a 24 anni, nonostante la firma dell’armistizio, il giovane aviere continuò nel suo impegno aeronautico, vigilando su un deposito di armi fino al 30 settembre, quando le truppe tedesche  arrestarono quattro uomini ritenuti colpevoli di aver ucciso un loro soldato. I quattro cercarono di difendersi dall’infamante e pericolosa accusa, dato che in realtà il militare morto era accidentalmente saltato su una mina ed era stato raccolto e adagiato lungo la strada proprio da Ciorciari, impietosito dalla tragica fine del giovane. Ma al momento dell’arresto il giovane sanzese fu trovato con in tasca le chiavi del mezzo guidato dal soldato morto e quindi lo stesso 30 settembre del ’43 fu fucilato. La storia di amore per la patria di Ciorciari è venuta a galla dopo circa settant’anni e il 30 settembre dello scorso anno, nel Real Bosco di Capodimonte (dove Angelo aveva prestato servizio), gli sono stati intitolati una lapide e un cippo funebre dall’Aeronautica Militare e dalla terza municipalità di Napoli.

In attesa che il Prefetto di Salerno autorizzi questa importante intitolazione dal pregnante valore storico, il Comune di Sanza ha individuato nello spazio da piazza XXIV Maggio fino a 60 metri lungo Via Fontana Vecchia il luogo che porterà questo simbolico nome. “A settembre del 2013, insieme al sindaco de Magistris, abbiamo partecipato alla manifestazione tenutasi a Napoli in onore di Angelo Ciorciari – ha detto il vicesindaco di Sanza Antonio Forteed essere anticipati da Napoli ha accresciuto in noi un senso di maggiore responsabilità. Per questo motivo, appena appreso il valore del nostro concittadino, abbiamo deciso di intitolargli una piazza e di fare richiesta alla Prefettura. In seguito organizzeremo una manifestazione a cui prenderà parte anche l’Aeronautica Militare di Napoli, per dare rilievo agli eventi che condussero alla tragica morte dell’aviere scelto Ciorciari”.

– Chiara Di Miele –


 

Commenti chiusi