L’Ente Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni, al fine di garantire e di promuovere, in forma coordinata, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio naturale del paese, con una Determina, approvava e finanziava il Progetto “Realizzazione aree sosta e pic-nic sul Monte Cervati-Rifugio Vallevona” nel Comune di Sanza, per un investimento pari a 200mila euro complessivi. Sembrava davvero che si potesse dare il via ad un processo di valorizzazione turistica ed escursionistica del Monte Cervati ma nella obbligatoria e successiva fase di avvio delle procedure di autorizzazione, è arrivato lo stop della Soprintendenza.

Presso l’Ufficio tecnico del Comune di Sanza, lo scorso 22 gennaio, si è svolta  la Conferenza dei Servizi per le approvazioni del progetto in questione ma, al tavolo tecnico, era presente soltanto la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Salerno ed Avellino. Assenti alla riunione, invece, l’Ente Parco, l’Ufficio geologico della Comunità Montana Vallo di Diano e del Settore Tutela Ambiente ed il Servizio VIA della Regione Campania. Durante la presentazione del piano di lavoro, da parte del progettista, è stato evidenziato che la struttura doveva realizzarsi completamente in legno, su una fondazione già esistente, costruita, tra l’altro, dall’Ente Parco. Qui la sorpresa: l’architetto della Soprintendenza ha sottolineando, che a suo avviso, il progetto era in contrasto con il Piano Territoriale Pesistico Cilento interno, relativo ad un Decreto Ministeriale del 23 gennaio 1996, esprimendo parere negativo alla realizzazione dell’opera. Il caso fa molto discutere  perché  la stessa Soprintendenza, che nel 2001 aveva approvato una piattaforma di cemento sul Cervati, oggi boccia una struttura totalmente in legno.

– Giovanna Quagliano –

  • Articolo correlato

19/01/2014 – Sanza: Al via il progetto turistico sul Cervati. Aree sosta e pic-nic


Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano