cacciaI cacciatori residenti nel Comune di Sant’Arsenio, alla vigilia dell’apertura della stagione venatoria 2014-2015, non hanno potuto partecipare alla tradizionale prima uscita di caccia, nonostante avessero adempiuto a tutti gli obblighi di legge, incluso il versamento delle tasse.

Una delegazione dei cacciatori, infatti, ha voluto portare alla luce l’incresciosa vicenda sollevando una dura critica contro il Comando dei Vigili Urbani santarsenese che non avrebbe provveduto tempestivamente al ritiro dei permessi.

Non si possono prendere decisioni personali non rispettando le regole a danno dei cittadini” ci tengono a sottolineare i cacciatori, invitando l’amministrazione comunale a prendere provvedimenti in merito alla vicenda.

“I tesserini sono regolarmente in distribuzione da stamattina – ha dichiarato il comandante dei Vigili Urbani, Gianni Landolfi, che sulla questione si difende tirando in ballo la provincia poiché non ha inviato i tesserini attraverso la guardia provinciale come consuetudine.”

“La questione è venuta a crearsi a cavallo delle mie ferie – prosegue Landolfi – ed essendo l’unico vigile urbano di Sant’Arsenio mi sono recato tardi presso l’Ente preposto al ritiro dei permessi, ma ci tengo a sottolineare che dalla provincia non hanno mai inviato una comunicazione che informasse sul cambiamento delle procedure”.

– Tania Tamburro –


 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*