Quello di quest’anno sarà un Natale diverso dal solito e con molte restrizioni da rispettare, per questo motivo la Protezione Civile Gruppo Lucano sede di Sant’Arsenio ha deciso di allietare e rendere meno duro questo periodo consegnando dei doni ai bambini.

Infatti i volontari, travestiti da Babbo Natale, domenica 13 dicembre, a bordo di un’Apecar consegneranno un dolcissimo Pandoro e delle golosissime caramelle ai bambini nati dal 2010 al 2019. Circa 165 panettoni saranno distribuiti, uno per famiglia. La partenza è alle ore 9 dalla sede dell’associazione situata nella Piazzetta dei Padri Domenicani.

L’iniziativa è stata organizzata con il patrocinio del Comune e della Chiesa Santa Maria Maggiore. Il tutto si svolgerà rispettando tutte le normative in vigore per contrastare la diffusione del Coronavirus.

Un gesto simbolico ma di notevole importanza per far sentire la vicinanza ai più piccoli che aspettano con ansia questa festa, per rendere il loro Natale per qualche istante normale e magico come quello vissuto gli anni passati.

Abbiamo pensato di organizzare questa iniziativa perché durante questo periodo segnato dal Covid-19 i bambini sono stati quelli che hanno sofferto e rispettato di più le regolefanno sapere i membri del gruppo -. E’ un Natale sofferto per tutti e prevalentemente per loro è molto difficile. Noi siamo attivi da marzo, non come Gruppo Lucano. Poi è nata questa associazione grazie a tutto il lavoro fatto durante l’emergenza. Da allora non ci siamo mai fermati. Ci auguriamo che questo Natale possa portare tanta speranza. Anche se con molta difficoltà ci siamo messi all’opera con l’augurio di rendere felici almeno i più piccoli. Vogliamo ringraziare tutti gli sponsor, le imprese locali, De.Va Costruzioni e Cabe Costruzioni, aziende di Caserta, i volontari e chi ha partecipato in anonimato”.

Gli organizzatori fanno sapere che in caso di pioggia l’evento sarà rimandato.

– Annamaria Lotierzo –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*