Sanità, siamo di fronte all’ennesima truffa pre-elettorale; il dato di fondo è che, secondo il Ministero della Salute, siamo l’ultima Regione d’Italia per i livelli essenziali di assistenza“. Questa è la reazione di Vincenzo De Luca alla proposta del Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro di ridurre il ticket sanitario sui farmaci, sull’assistenza e sul pronto soccorso.

Siamo alle solite, uno squallore unico: quattro anni e mezzo di sonno totale e ora i fuochi pirotecniciattacca su Facebook il primo cittadino di Salerno  – sono tutte sciocchezze che servono per fare la campagna elettorale e che inguaieranno ulteriormente i bilanci della Regione“.

Le riduzioni annunciate da Caldoro saranno attive dal 1 gennaio 2015 e prevedono, tra le altre, l’esenzione totale del ticket per l’acquisto di farmaci per le famiglie a basso reddito o composte da numerosi elementi, ticket più bassi per le prestazioni ambulatoriali specialistiche, per le cure termali e costo dimezzato da 50 a 25 euro per il codice bianco in pronto soccorso.

Presto vedremo arrivare misure che riguardano i disoccupati, poi qualcosa sui fondi europei: tutto, meno che le cose serie che servono a creare lavoro – ironizza De Luca – io propongo di togliere proprio il ticket e di consegnare la brioche ogni mattina a tutti“.

– redazione – 


  •  Articolo correlato

21/10/2014 – Sanità: Caldoro:”Ridotti gli sprechi, ora abbasso i ticket”


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*