Gli atleti Metasport si dimostrano ancora una volta campioni non solo in campo sportivo, ma anche dal punto di vista umano.

Domenica, in occasione della quinta tappa del 18° Campionato Regionale Campano di nuoto Centro Sportivo Italiano e grazie all’iniziativa delle società sportive presenti, tutte le categorie di atleti in gara hanno mostrato solidarietà a Manuel Bortuzzo, il nuotatore rimasto gravemente ferito tra il 9 e il 10 febbraio a Roma.

Tramite l’esibizione al pubblico di una “M” disegnata sul braccio prima dell’inizio delle gare, gli atleti Metasport e delle altre società hanno manifestato solidarietà al giovane e condannato con forza l’ingiustizia subita da Manuel, nella speranza che simili eventi non si ripetano.

Il 19enne è stato raggiungo da un colpo di pistola all’Axa, un quartiere della periferia sud-est di Roma, durante uno scontro a fuoco tra due gruppi di persone. Il nuotatore di Treviso da ottobre era ospite presso il polo natatorio della Federazione Italiana Nuoto di Ostia. Estraneo ai fatti della rissa, Manuel è in convalescenza a causa delle gravi lesioni riportate.

Un’occasione per dimostrare che lo sport non è solo agonismo ma anche tanta vicinanza e solidarietà – ha dichiarato ad Ondanews Agostino Marmo, coach degli atleti Metasport – un gesto simbolico che abbiamo voluto fare insieme alle Società Spotive che abbiamo ospitato alla Metasport in questa tappa del Campionato Regionale CSI per mostrare vicinanza a Manuel e per fare in modo che l’attenzione mediatica non diminuisca su questo grave fatto di cronaca, affinchè non si verifichi nuovamente un episodio simile. Il nostro augurio è che si rimetta presto in forma“.

– Maria De Paola –

 

 

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*