10353714_800941343283977_6274527854586415068_nUn’atmosfera di festa, ma soprattutto di unione fraterna si è respirata in questi giorni a San Rufo, in occasione della missione popolare curata dai tanti sacerdoti e religiose del Pontificio Santuario della Madonna di Pompei e dall’arcivescovo e delegato pontificio Mons.Tommaso Caputo, che hanno portato nella Chiesa Madre di Santa Maria Maggiore di San Rufo la Sacra Immagine della Vergine del Rosario.

Ad accogliere il quadro della Madonna di Pompei, davanti la Casa Comunale, giovedì scorso, è stato il parroco don Michele Della Monica, il primo cittadino Michele Marmo e tutta la comunità del piccolo centro del Vallo di Diano. L’Immagine Sacra, in seguito, è stata accompagnata in processione nella Chiesa Madre, dove è stata celebrata la Santa Eucarestia da Mons.Tommaso Caputo. Un ricco programma, che ha visto alternarsi in questi giorni, tra le altre cose, oltre alla recita del Rosario e alle Celebrazioni Eucaristiche, anche confessioni, visite agli anziani, agli ammalati e momenti di forte spiritualità con i giovani. Molti i fedeli accorsi da tutta la Diocesi di Teggiano – Policastro, per rendere omaggio alla Vergine.

Ieri, con la Supplica alla Madonna, la celebrazione della Santa Messa e il Te Deum di ringraziamento la Vergine ha salutato San Rufo, per far rientro a Pompei. “Un dato di fatto è che la venuta della Madonna di Pompei  a San Rufo ha richiamato un elevato numero di gente, desiderosa di riscoprire e alimentare la propria fede. Ciò che ha colpito dei quattro giorni – ha detto don Michele della Monica – è stata proprio la straordinaria capacità della Mamma Celeste di radunare attorno a sé non solo i fedeli, ma anche i cosiddetti “lontani” in un’atmosfera di gioia per la sua presenza”.

Giovanna Quagliano

10489754_801468016564643_2088244667464657746_n (1) 10245340_801469679897810_213028239795333861_n 10468108_800941619950616_5540418343097534470_n


 

Commenti chiusi