9 Agosto 2022

1 thought on “Salerno, vicenda Termovalorizzatore. De Luca condannato ad un anno per abuso d’ufficio. Cade l’accusa di peculato

  1. Ricordo a me stesso che per il reato di abuso d’ufficio occorre: a) ci sia l’intenzione di procurare a sé o ad altri un ingiusto vantaggio patrimoniale o di arrecare ad altri un danno ingiusto; b) ci sia la violazione di una precisa norma di legge o di regolamento; c) si sia verificata la violazione o l’omissione a quanto detto innanzi quale causa dell’ingiusto vantaggio o del danno ingiusto. E allora? Lo vogliamo mandare a casa Vincenzo De Luca per uno dei motivi citati? Non sia mai! L’art. 323 del c. p. è stato e sarà sempre un incubo per gli amministratori pubblici. In passato veniva considerata una “norma penale in bianco” in quanto era suscettibile di un uso ampiamente discrezionale tale da causare un’indebita sovrapposizione del sindacato penale sulle scelte amministrative. Qualsiasi comportamento illegittimo o presunto illegittimo poteva essere qualificato come abuso d’ufficio e causare l’inizio di un procedimento giudiziario, se potenzialmente poteva procurare un ingiusto vantaggio non patrimoniale o arrecare un danno ingiusto. L’astrattezza e la genericità della norma sono ancora criticabili poiché sottopongono l’azione amministrativa, che di per sé è idonea ad arrecare vantaggi o danni, alla spada di Damocle dell’intervento della Magistratura, anche se poi i procedimenti si concludono con il proscioglimento. Aspettiamo l’esito del ricorso in appello. Ma sia chiaro che Vincenzo De Luca è una persona onesta: non si è messo in tasca niente!

Comments are closed.