sbarco profughi salernoSono arrivati ieri, a bordo nella nave Etna della Marina Militare italiana attraccata al molo Trapezio del porto di Salerno, i 2186 migranti eritrei, somali siriani, palestinesi e afgani tratti in salvo nell’ambito dell’operazione Mare Nostrum.

Secondo quanto riporta il quotidiano La Città di Salerno, tra i profughi si contano 210 donne (di cui 14 incinte) e 195 bambini, 40 persone con sospetta scabbia trasferiti a Sicignano e 3 diabetici.

Sono 130 i migranti che verranno accolti a Salerno e 300 nel resto della Campania, mentre i restanti profughi saranno accompagnati nei centri di accoglienza di Reggio Emilia, Firenze, Campobasso e Roma. Imponente il sevizio d’ordine che ha gestito lo sbarco, con oltre 500 uomini tra polizia, carabinieri, guardia di finanza e polizia municipale, oltre a personale di Croce Rossa e Humanitas.

La polizia, si legge ancora su La Città, ha arrestato tre scafisti, giovani tunisini che dovranno rispondere del reato di di favoreggiamento aggravato di immigrazione clandestina. I poliziotti li hanno bloccati al porto mentre tentavano di confondersi tra  i migranti. Gli scafisti, due di 27 anni e uno di 30, erano salpati il 17 luglio su due imbarcazioni da un porto libico. Nella stessa giornata, sempre dalla costa libica sarebbero salpate altre tre imbarcazioni con a bordo numerosi migranti che avrebbero sborsato circa mille euro a testa per effettuare la traversata. I tre arrestati sono stati rinchiusi nel carcere di Salerno. Intanto, proseguono le indagini della polizia nel tentativo di individuare altri complici.

– redazione –


 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*