Si è svolto ieri pomeriggio, a Salerno, l’incontro tra il presidente dell’ANPS sez. di New York – New Jersey intitolata a Joe Petrosino, Sergio Cirelli ed il Questore Antonio De Iesu, alla presenza di una delegazione dell’Ass. Internazionale Joe Petrosino di Padula composta dal pronipote Nino Melito Petrosino, dal vicepresidente Vincenzo Lamanna e dal segretario Enrico Tepedino. L’incontro ha rappresentato un momento di dialogo e di confronto all’indomani del sesto raduno nazionale ANPS, che si è svolto a Salerno lo scorso fine settimana, quando l’ANPS di New York ha aperto il corteo e l’ispettore Cirelli ha donato al sindaco di Salerno De Luca la bandiera americana, in segno di amicizia e fratellanza. Il Questore De Iesu ha ricevuto il crest dell’ANPS dalle mani dell’ispettore Cirelli, che ha sottolineato quanto sia importante il legame tra l’Italia e l’America nel nome di Petrosino: la sezione, che ha sede nel Palazzo dell’ONU, conta una trentina di iscritti in Italia e ben 250 negli USA.

“E’ stato molto bello e confortante conoscere l’ispettore Cirelli –  ha dichiarato il Questore De Iesu riconosco in lui lo sbirro che ero io una volta. Joe Petrosino era un vero sbirro e posso affermare che sbirri si nasce, dando ovviamente al termine il senso più nobile che gli si possa attribuire. Lo sbirro è colui che lavora, rischia per un’attività investigativa finalizzata al raggiungimento di un obiettivo che dà sicurezza alle persone. Questo è il tipo di poliziotto che io amo – ha concluso – e che oggi mi manca molto: l’adrenalina dell’attività investigativa, la tensione ed anche la sofferenza e lo stress legati ad indagini importanti sono elementi che ti riempiono la vita”.

“E’ un onore per noi trovarci qui oggi e vogliamo cogliere l’occasione per annunciare in modo ufficiale che la manifestazione relativa al prossimo Premio Internazionale Joe Petrosino si svolgerà ad ottobre a New York, cercando di farla coincidere proprio con il 19 ottobre, giorno nel quale Joe Petrosino indossò per la prima volta la divisa da poliziotto”, ha sottolineato il pronipote Nino Melito Petrosino.

Conclusi gli impegni in Italia, per l’ispettore Cirelli si preparano nuovi incarichi nell’International Police Criminal Police Commission (Interpol).

– Filomena Chiappardo –


 

 

Commenti chiusi