Conferita dal Prefetto di Salerno la medaglia d’onore alla memoria di un cittadino di Sassano, Gaetano Biancamano, deportato ad Auschwitz nella seconda guerra mondiale. La cerimonia di consegna è avvenuta ieri, in occasione della “Giornata della Memoria”, organizzata  per commemorare le vittime del genocidio nazista dal Prefetto di Salerno Gerarda Maria Pantalone nel corso della quale sono state conferite quattro medaglie d’onore su espressa volontà del Presidente della Repubblica a quattro ex combattenti originari della provincia salernitana distintisi, durante il secondo conflitto mondiale, per aver affrontato un triste quanto amaro periodo di prigionìa nei lager nazisti.

Tra i quattro militari salernitani ad essere insigniti della pregiata onorificenza dal Capo dello Stato anche  Gaetano Biancamano di Sassano, nato nel 1922  e venuto a mancare nel 1996. Gaetano, fatto prigioniero a Tirana dove svolgeva il compito di infermiere della Croce Rossa durante il conflitto, fu deportato ad Auschwitz .

La Medaglia d’Onore è stata ritirata con grande emozione dal nipote del Signor Biancamano, che porta il suo stesso nome, accompagnato per l’occasione dal Sindaco di Sassano Tommaso Pellegrino.

Sempre nella giornata di ieri, il fratello di Gaetano Biancamano, Giovanni, ha ricevuto a Roma la Medaglia d’Onore direttamente dalle mani del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Giovanni, a differenza del congiunto, ha evitato il lager di Auschwitz perché, per caso fortuito, il treno che lo stava trasportando presso il campo nazista saltò in aria a Belgrado e il militare sassanese si salvò, dopo essersi già salvato a Cefalonia durante il noto eccidio.

– Chiara Di Miele –


 

Commenti chiusi