Lite per motivi di eredità, a Salento, nel cuore del Cilento. Come riporta il quotidiano La Città di Salerno, ieri mattina un 30enne del posto si è recato presso la casa di suo zio, fratello del padre, con il quale da anni ci sarebbero conflitti per questioni relative ad un’eredità che non sarebbe stata divisa secondo accordi. Sembra che il motivo del contendere fossero alcuni mobili ed accessori da arredamento. A seguito, pare, di una violenta discussione, il giovane avrebbe imbracciato un fucile, regolarmente denunciato ed ha sparato alcuni colpi in aria allo scopo di intimidire l’anziano zio.

Sul posto – si legge su la Città – secondo il racconto di alcuni testimoni, è giunto poco dopo il padre del trentenne che ha disarmato il ragazzo, il quale subito dopo si sarebbe dato alla fuga a bordo della propria automobile. Nell’immediato sono giunti sul luogo anche i carabinieri della compagnia di Vallo della Lucania, agli ordini del capitano Alessandro Starace. Il ragazzo sarebbe stato poi intercettato – sempre secondo quanto appreso da alcuni testimoni – nel comune di Moio della Civitella. Giunto in caserma, secondo quanto riferito invece da fonti ufficiali, il giovane è stato denunciato a piede libero.

Nega invece l’accaduto in maniera categorica il padre del ragazzo, il quale ha riferito che non c’è stato alcun atto intimidatorio a danno del fratello e che lo sparo c’è stato ma solo perché a breve in paese ci sarà una festa.

– redazione –


 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*