gaetano ferrari tribunale sala 01“Punito per aver difeso il nostro tribunale e per non avere avuto garanzie sulla agibilità della struttura che ospita il tribunale si Lagonegro”. E’ questo, in sintesi, il pensiero dell’ex sindaco di Sala Consilina Gaetano Ferrari che nei giorni scorsi si è visto recapitare l’avviso di conclusione delle indagini da parte della Procura della Repubblica di Lagonegro per il reato di interruzione di pubblico servizio.

Oltre a Ferrari lo stesso avviso è stato notificato anche all’ing. Attilio De Nigris in qualità di Dirigente dell’Area tecnica del comune di Sala Consilina. L’inchiesta è partita in seguito al rifiuto da parte dell’ex primo cittadino, di consegnare, a metà settembre dello scorso anno, le chiavi del Tribunale di Sala Consilina per dare inizio alle operazioni di trasloco degli uffici dal soppresso palazzo di giustizia di Sala Consilina a quello accorpante di Lagonegro in provincia di Potenza. Questa mattina Ferrari ha convocato una conferenza stampa davanti all’ingresso dell’ex tribunale per consegnare ai giornalisti una copia degli atti di indagine che hanno portato alla richiesta di rinvio a giudizio.

“Forse è una coincidenza – ha dichiarato l’ex sindaco – ma l’avviso di conclusione indagini è arrivato subito dopo il 13 settembre 2014, termine ultimo per sperare in una revisione della riforma della geografia giudiziaria che potesse portare alla riapertura del nostro tribunale”. Gaetano Ferrari ha ripercorso tutte le fasi della battaglia combattuta civilmente insieme ai cittadini salesi, per cercare di evitare l’applicazione di quella che lui più volte ha definito “una riforma ingiusta e scellerata frutto di interessi politici nascosti dietro il paravento della spending review”. ‎Le sue parole sono intrise di rabbia, delusione e amarezza. “E’ un‘azione vendicativa, indegna e vigliaccaha detto Ferrari con tono rabbioso – che colpendo gli apici politico – amministrativi dell’allora amministrazione di Sala Consilina, vuole ulteriormente colpire tutta una città che continua ostinatamente a lottare, affinché una totale ingiustizia venga corretta”.

– Erminio Cioffi ‎-



 documenti gaetano ferrari 01  documenti gaetano ferrari 02


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*