La riorganizzazione interna di ENEL Distribuzione non avrà ripercussioni negative sia verso l’esterno e nei confronti dei dipendenti in servizio a Sala Consilina; inoltre, l’edificio dove si trova la sede di zona nel comune capofila del Vallo di Diano continuerà ad essere utilizzato.

A chiarirlo è direttamente l’ENEL contattata dalla nostra redazione in seguito alla diffusione della notizia sulla  chiusura della sede zonale di Sala Consilina. “Il piano di riorganizzazione previsto da Enel Distribuzione – fa sapere l’ENEL –  non comporta tagli del personale e non avrà ripercussioni sulla qualità del servizio elettrico offerto alla clientela. I cambiamenti, definiti nell’ambito di un piano nazionale presentato nei giorni scorsi ai sindacati, mirano esclusivamente a rendere più razionale ed efficiente l’organizzazione interna aziendale, senza alcuna ripercussione negativa verso l’esterno”.

L’azienda energetica ha sottolineato che, contrariamente alle notizie diffuse nei giorni scorsi, “non verranno  modificate infatti le attività operative del personale e resterà invariato il numero di tecnici e operai, che continueranno ad operare sui territori di competenza”. Enel conferma quindi il proprio impegno in Campania, dove nel 2014 sono stati assunti 211 giovani che andranno a rafforzare proprio il personale che presidia e gestisce la rete elettrica regionale. Si tratta di ragazzi di età compresa tra i 18 e i 29 anni, diplomati con indirizzo tecnico, che sono entrati a far parte dell’Azienda con contratto di apprendistato nell’ambito del piano di  ricambio generazionale, scaturito dagli accordi sottoscritti con le sigle sindacali di settore a maggio dello scorso anno, che a fronte di un certo numero di uscite volontarie, ha portato nel corso del 2014 all’assunzione in Azienda di oltre 1.500 giovani.

– Erminio Cioffi –


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.