“Il tribunale è la vostra casa e dovete difenderla con i denti perchè è un vostro sacrosanto diritto”. Con queste parole, questa mattina, l’avvocato Dario Incutti, presidente onorario della Camera Penale Salernitana ha concluso il suo intervento all’interno del convegno dal titolo “Tribunale di Sala Consilina, coltivare la speranza tra denegata giustizia e false verità” che si è svolto presso l’aula magna delle scuole elementari di via Matteotti a Sala Consilina.

Ai lavori, moderati dal giornalista Pietro Cusati, hanno preso parte il sindaco di Sala Consilina Gaetano Ferrari, il Presidente della Camera Penale “Alfredo De Marsico” Camillo Celebrano, il Segretario Provinciale Cisl Pietro Pernetti, Don Gabriele Petroccelli, vicario della Forania Teggiano – Sala Consilina ed il sen.Enrico Buemi, membro della II Commissione Giustizia del Senato. Assenti, invece, il presidente della Corte di Appello di Salerno Matteo Casale ed il presidente dell’ordine forense di Sala Consilina Michele Marcone.

Questa legge è ingiustaha detto l’avvocato Incutti – perchè è basata sul nulla per quel che riguarda la soppressione di Sala Consilina. Non è mai stata fatta una istruttoria seria prima di prendere una decisione così importante. Se dal Ministero fossero venuti a Sala Consilina e a Lagonegro a vedere lo stato di “salute” dei due tribunali sarebbe stato impossibile far andare in porto la chisura del tribunale salese”.

Incutti ha poi ricordato come il tribunale di Sala Consilina all’inizio degli anni ’80 è stato una stampella fondamentale per far si che la Corte di Appello di Salerno potesse vedere riconosciuta la sua autonomia da Napoli. Per il senatore Enrico Buemi “la soppressione di Sala Consilina è una ingiustizia che bisogna riparare. Non ho timore nel dire – ha sottolineato il Senatore – che nel caso di Sala Consilina sono state truccate le carte e sono state dichiarate cose che non corrispondono alla realtà per poter arrivare all’accorpamento con Lagonegro”.

– Erminio Cioffi –


Commenti chiusi