Alla fine la “giustizia”, anzi il “palazzo di giustizia” ha trionfato e il Distretto Sanitario resterà a Sala Consilina e si trasferirà dai locali di proprietà privata di via Pozzillo in quelli, di proprietà del Comune dove ha avuto sede fino allo scorso anno il Tribunale prima della sua soppressione.

Il Comune salese è riuscito a schivare tutte le “pallottole” del fuoco amico sparate da qualche sindacato che insieme al comune di Sant’Arsenio ha tentato di “scippare” il distretto a Sala Consilina.

Alcuni colpi sparati sono andati a vuoto e altri hanno fatto “fetecchia”.  L’accordo, che dovrebbe essere formalizzato nei prossimi giorni, tra ASL e Comune sembra sia stato raggiunto e potrebbe essere sottoscritto già nel corso della prossima settimana da parte del sindaco di Sala Consilina Francesco Cavallone e dal Direttore Generale dell’ASL Salerno Antonio Squillante.

Resta quindi con un pugno di mosche in mano il Comune di Sant’Arsenio e qualche sigla sindacale che fino a qualche settimana fa si sentivano già con la “vittoria” tra le mani e non aspettavano altro che l’inizio delle operazioni di trasloco dalla struttura di Sala Consilina a quella di Sant’Arsenio già sede dell’ospedale della Santissima Annunziata.

L’asso nella manica che ha sparigliato le carte in tavola lo ha tirato fuori l’amministrazione salese qualche giorno fa quando in conferenza stampa ha annunciato che da parte del Ministero della Giustizia era arrivata l’autorizzazione ad utilizzare i locali dell’ex tribunale anche per ospitare uffici non legati ad attività giudiziarie.

Oltre al Distretto Sanitario nei locali dell’ex tribunale dovrebbe essere trasferito anche l’ufficio del Giudice di Pace che attualmente si trova in locali di proprietà privata in via Mezzacapo.

– Erminio Cioffi – 


Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano