monsignor cascio a sala consilina 02Con una “lectio divina” sul passo del Vangelo di Matteo su come “fu generato Gesù”, tenuta da Mons. Pasquale Cascio, arcivescovo di Sant’Angelo dei Lombardi – Conza – Nusco – Bisaccia, ieri pomeriggio ha preso il via il ciclo di incontri organizzati dal “Gruppo Sacra Famiglia” delle parrocchie di Sant’Anna e Sant’Antonio di Sala Consilina, guidate dal parroco Don Luciano La Peruta.

Tantissime persone hanno preso parte all’incontro che ha avuto come tema la figura della famiglia nella Sacra Scrittura. Mons. Cascio con un linguaggio semplice e diretto ha lanciato un invito alla continua scoperta all’interno della coppia del disegno di Dio.

“La domanda che bisogna farsi – ha sottolineato l’Arcivescovo di Sant’Angelo dei Lombardi – è se la volontà di essere coppia e di aver dato vita ad una famiglia sia stata vissuta e sentita fin dal primo momento come vocazione. I sentimenti, la volontà e la libertà sono stati posti fin dall’inizio del rapporto come momento vocazionale ?”.

 

Durante il commento del brano di Matteo Mons. Cascio ha più volte invitato le coppie a non rassegnarsi mai.”Nella vita di coppia possono esserci stati – ha spiegato – dei passaggi che sono stati lontani dalla volontà di Dio. Se così è stato è sempre possibile recuperare. Nel rapporto coniugale bisogna fare all’altro ciò che si vorrebbe fosse fatto a se stessi” e ha tratto spunto dal versetto in cui Giuseppe, una volta saputo che Maria era incinta, aveva pensato di ripudiarla in segreto e non pubblicamente, per spiegare come si può fare per intuire quale sia la volontà di Dio. “Quando trovo la strada che non fa soffrire la persona amata allora sto intuendo la volontà di Dio. Così come Giuseppe avrebbe voluto fare ripudiando Maria in segreto e non pubblicamente”.

– Erminio Cioffi –


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*