gruppo positivoLa compagine di Sala Consilina “Gruppo Positivo”,attraverso un comunicato stampa, apre la questione Tares riferita al 2013 cercando di fare chiarezza e di individuare delle risposte. Si rende noto, infatti,che in questi giorni i cittadini di Sala Consilina hanno ricevuto una comunicazione sulla somma dovuta e le modalità di versamento.

Sulla base di questo avviso Gruppo Positivo fa presente chela rateizzazione da più voci richiesta è prevista dal regolamento delle entrate del Comune di Sala Consilina (art 26) pertanto nessuno potrà vantarsi di aver concesso nulla di più di quanto già spettante ai cittadini dalla legge.”

Gruppo Positivo prosegue evidenziando che da regolamento Comunale TARES (art 32) è prevista una sanzione del 30% per chi omette, ritarda o versa in maniera insufficiente quanto dovuto ed inoltre in base all’art 25 il termine ultimo per il pagamento in unica soluzione è il 30 Giugno dell’anno in questione. Pertanto chiedono delucidazioni su cosa sia stato fatto dall’ amministrazione uscente per alleviare la pressione fiscale.

“Di fronte a tale situazione normativa non possiamo nascondere una profonda delusione – afferma Gruppo Positivo nella nota stampa – per una compagine amministrativa che non si è preoccupata delle esigenze dei cittadini. Altre amministrazioni hanno, coscienziosamente, disposto per tempo la rateizzazione delle TARES.”

Sulla base di questa affermazione chiedono che l’amministrazione Comunale disponga, con proprio atto amministrativo, la rateizzazione della somma dovuta dai cittadini, specificando chiaramente che non saranno applicate sanzioni, riconoscendo di aver causato tale incresciosa situazione e mettendo a riparo i cittadini da altre sgradite sorprese.

Il comunicato stampa conclude ribadendo quanto proposto in campagna elettorale da Gruppo Positivo, ovvero di individuare soluzioni che riducano i costi dello smaltimento dei rifiuti. Pronti quindi ad attivarsi in Consiglio Comunale proponendo iniziative in tal senso per il 2015.

– redazione –


 

Commenti chiusi