Sala Consilina: Decreto “Sblocca Italia” e trivellazioni petrolifere. Ieri incontro del Movimento 5 Stelle



























Incontro-dibattito ieri a Sala Consilina organizzato dagli attivisti del Movimento 5 Stelle del Vallo di Diano e dedicato al decreto “Sblocca Italia” e nello specifico alle attività legate alle trivellazioni ed alla ricerca di idrocarburi. Il provvedimento del Governo, infatti, contiene nuove norme sulle estrazioni di petrolio e di gas ed il Vallo di Diano, da questo punto di vista, potrebbe essere chiamato ad affrontare nuove battaglie.

Presenti all’incontro il senatore del M5S, Andrea Cioffi, il presidente della Comunità Montana Tanagro Alto e Medio Sele, Giovanni Caggiano, quello della Comunità Montana Vallo di Diano, Raffaele Accetta e l’ing. Antonio Curcio. Assenti per cause di  forza maggiore, invece, il senatore Guido Petrocelli ed il geologo Franco Ortolani.

“Si punta ad incentivare le estrazioni ed a raddoppiare la produzione – ha sottolineato in apertura Curcio – sono tante le battaglie che abbiamo affrontato in questi anni – ha detto, invece, Accetta.  Il futuro della nostra area non può essere abbinato al petrolio ma abbiamo la sfortuna di essere legati alla Basilicata, col rischio di diventare, come territorio, sempre più una riserva. Dobbiamo essere tutti uniti per affrontare al meglio queste difficoltà”. Caggiano ha posto, poi, l’attenzione sulla risorsa acqua, considerata troppo preziosa per essere messa a rischio.










Le conclusioni sono state affidate al senatore Cioffi: “Le estrazioni non sono assolutamente necessarie. Quando iniziamo ad utilizzare seriamente il vento ed il sole? Ci sono troppi aspetti paradossali – ha sottolineato –  tanto che un inceneritore è considerato un’opera strategica. Dietro ci sono sempre potenti società con grande interessi in Italia. Basti pensare al fatto che il 35% di Terna e SNAM è stato acquistato dai cinesi i quali vogliono comprare anche Ansaldo. Insomma, ci stanno mangiando”.

 – Cono D’Elia –


 

































Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*