Dopo la “Toga d’oro” alla memoria, consegnata sabato scorso a Napoli alla moglie dell’avvocato Pino Paladino, in occasione dell’VIII Conferenza Nazionale dell’Avvocatura, oggi pomeriggio, a Roma, il Consiglio Nazionale Forense ha consegnato alla famiglia dell’avvocato di Sala Consilina una targa quale segno di vicinanza di tutta l’avvocatura italiana e di partecipazione al dolore della famiglia di Pino.

“Pino Paladino – ha dichirato Guido Alpa, presidente del Consiglio Nazionale Forense – ha interpretato la toga come missione di vita e agire non solo nella professione, ma seguendo i valori etici e civili che quella toga rappresenta fino all’estremo sacrificio”. Giuseppe Paladino aveva 45 anni, ha perso la vita l’11 agosto dello scorso anno per salvare delle persone in difficoltà nello specchio d’acqua antistante la spiaggia di località Saline a Palinuro. Le amministrazioni comunali di Sala Consilina e Centola Palinuro, hanno presentato la richiesta per la concessione della medaglia d’oro al valor civile alla memoria dell’avvocato eroe.

“Ringrazio il CNF – ha dichiarato Michele Marcone, presidnete dell’Ordine forense di Sala Consilina – perchè ha avuto la sensibilità di ricordare il nostro amico Pino, era un bravo avvocato e lui “viveva” le cause dei propri assistiti dando il massimo. Per ricordarlo abbiamo anche istituito un premio che sarà assegnato ogni anno ad un avvocato che si sarà particolarmente distinto nella sua professione”.

– Erminio Cioffi –


Commenti chiusi