Tantissime persone, ieri pomeriggio, hanno preso parte alla cerimonia di consegna alla memoria da parte del presidente provinciale della Croce Rossa Italiana di Salerno Renato Del Mastro della medaglia d’oro al merito all’avvocato Giuseppe Paladino.

“In segno di viva riconoscenza e ad imperitura memoria – questa la motivazione letta da Del Mastro – per l’atto nobile ed eroico non comune che ha spinto Giuseppe fino all’estremo sacrificio pur di salvare persone in difficoltà che ha ben incarnato il valore dell’umanità di cui la Croce Rossa Italiana è la massima espressione che riconosce tangibilmente”.

La medaglia d’oro è stata consegnata nelle mani di Monica e del piccolo Jacopo, rispettivamente moglie e figlio di Pino Paladino. Alla cerimonia hanno preso parte i rappresentanti di tutte le forze dell’ordine, i sindaci di Sala Consilina e Centola – Palinuro, Gaetano Ferrari e Carmelo Stanziola, il presidente della Comunità Montana Vallo di Diano Raffaele Accetta e tanti avvocati in rappresentanza dell’ordine forense di Sala Consilina.

Particolarmente toccanti sono state la parole del papà di Pino Paladino che ha ringraziato tutte le persone che in questi mesi sono state vicine alla famiglia. Giuseppe Paladino aveva 45 anni, ha perso la vita l’11 agosto dello scorso anno per salvare delle persone in difficoltà nello specchio d’acqua antistante la spiaggia di località Saline a Palinuro. Le amministrazioni comunali di Sala Consilina e Centola Palinuro, nei mesi scorsi, hanno inoltrato richiesta al Ministero dell’Interno per la concessione della medaglia d’oro al valor civile alla memoria dell’avvocato eroe.

– Erminio Cioffi –


Commenti chiusi