ferrovia sicignano lagonegro evidenza nuovaL’Amministrazione Comunale di Sala Consilina, guidata dal sindaco Francesco Cavallone, attraverso una delibera di Giunta ha richiesto al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, alla Regione Basilicata, alla Regione Calabria, alla Regione Campania e al Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane di adottare ogni intervento volto a garantire la fermata alla stazione di Sicignano degli Alburni per agevolare l’accesso e il trasporto nei Parchi Nazionali (Cilento, Vallo di Diano e Alburni, Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese e Pollino), di realizzare la riapertura della tratta Sicignano-Polla (linea Sicignano degli Albumi -Lagonegro) con esercizio a spola da parte di Rete Ferroviaria Italiana, di attivare treni ad Alta velocità sulla tratta Salerno- Sapri per agevolare l’accesso e il trasporto nei Parchi e sulle coste del Golfo di Policastro, incrementando i flussi turistici.

Tra le richieste del Comune capofila del Vallo di Diano, inoltre, anche una rimodulazione del trasporto su gomma da e verso le aree interne per il collegamento con le stazioni ferroviarie più vicine.

La scelta della Giunta Cavallone si basa soprattutto sull’importanza che le linee di trasporto hanno nella promozione e nello sviluppo del territorio e sul fatto che la riapertura del primo tratto funzionale “Sicignano-Polla” è stimata come possibile tramite l’attivazione dell’esercizio “a spola” con la circolazione di un solo treno.










Il Comune di Sala Consilina, inoltre, si è rivolto al Ministro Graziano Delrio, alle Regioni interessate e alle Ferrovie dello Stato anche perchè la linea ferroviaria “Salerno-Sapri” è utilizzata da numerosi pendolari per ragioni di studio e lavoro (di qui l’esigenza di attivare treni ad Alta velocità) e che il Comune di Lagonegro a fine marzo ha prodotto una nota indirizzata anche agli altri comuni interessati dall’iniziativa finalizzata ad una migliore qualità dei collegamenti nel territorio.

– Chiara Di Miele –

2 Commenti

  1. Invito tutti i firmatari della delibera a scendere nelle zone di Sala attraversate dalla fu Ferrovia,per vedere quanto questo ripristino sia possibile ed osservare la giungla che copre da decenni quanto resta della tratta ferroviaria.

  2. Tonino B. says:

    Bla bla bla, quando è stata chiusa nessuno capace di una forte contestazione, il treno è passato purtroppo.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*