Questa mattina i carabinieri della Compagnia di Sala Consilina, agli ordini del Capitano Emanuele Corda, hanno eseguito la misura cautelare dell’obbligo della presentazione alla Polizia Giudiziaria nei confronti di un 26enne di Sala Consilina, resosi responsabile dei reati di truffa e ricettazione.

L’uomo, come ricostruito dai militari della Stazione di Buonabitacolo, lo scorso marzo, fornendo un nominativo falso, aveva acquistato da un imprenditore boschivo di Casalbuono della legna per un valore di circa 1000 euro, pagando con un assegno risultato successivamente rubato e non incassabile.

In seguito la vittima si è rivolta ai carabinieri della Stazione di Buonabitacolo, che sono riusciti ad identificare il truffatore. Quest’ultimo, per sviare le indagini, oltre a fornire un nominativo falso al venditore, per effettuare la chiamata di acquisto aveva utilizzato un’utenza telefonica intestata ad un cittadino rumeno.

Ora il 26enne dovrà presentarsi quotidianamente, mattina e pomerigigo, presso la Compagnia di Sala Consilina.

– redazione – 


 

Un commento

  1. CHE SENSO HA PRESENTARSI MATTINA E POMERIGGIO PRESSO LA CASERMA DI SALA CONSILINA??? NON E MEGLIO METTERLO IN GALERA E BUTTARE VIA LE CHIAVI? IL BOSCAIOLO HA LAVORATO ONESTAMENTE ,E CI HA ANCHE RIMESSO 1000 € . COME SI SUOL DIRE: ‘ CORNUTO E MAZZIATO’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*