Sabato 13 dicembre, alle ore 18.00, presso l’Auditorium Comunale in via Cappuccini a Sala Consilina, si terrà l’inaugurazione della Rassegna storico-documentaria dal titolo “La ferrovia Sicignano-Lagonegro in agro di Sala Consilina“.

La Rassegna, che avrà termine il 10 gennaio 2015, ripercorre la storia di un tronco ferroviario interrotto, ma mai ufficialmente soppresso, attraverso l’esposizione dei documenti (1855-1983) conservati presso l’Archivio comunale di Sala Consilina. Il progetto, finanziato dalla Regione Campania, ai sensi delle Leggi Regionali 49/74 e 4/83, è il primo di tre micro-programmi di animazione bibliotecaria e di studi di storia locale, con i quali l’Amministrazione di Sala Consilina intende valorizzare l’Archivio Storico Comunale, per assicurare a studenti, ricercatori e appassionati di storia locale una maggiore fruibilità del suo patrimonio.

La Rassegna storico-documentaria, articolata in otto distinte sezioni tematiche, è il risultato di un lungo e paziente lavoro svolto da Antonio Carlomagno e da Michele Esposito, proposto integralmente anche in un volume, completo di allegati, edito dalla Biblioteca Comunale. È la costruzione di un percorso narrativo durato un secolo, dal 1886 al 1987, con documenti d’archivio opportunamente selezionati, che fa rivivere fatti e circostanze connessi con il ciclo di vita della ferrovia in agro di Sala Consilina, ovvero nel territorio rurale amministrato dal Comune. La narrazione che affiora dalla Rassegna, che vuole essere anche omaggio alle aspirazioni e agli sforzi compiuti almeno un secolo fa, è punteggiata di vicende che animarono la vita della strada ferrata nel territorio valdianese e in special modo salese; un percorso testuale e “visivo”, aderente alla successione fotografica dei documenti riprodotti nella Rassegna, da cui pertanto non può essere disgiunto.

L’Inventario del Fondo Ferrovia, che è costituito, ad oggi, di ben 1340 documenti,  ha fatto da base imprescindibile a questo racconto.

– redazione – 


 

Scrivi un commento. Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamatori e razzisti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*