Catena di solidarietà per rimpatriare la salma del 34enne Chingasu Catalin Radu, deceduto in un incidente stradale lo scorso 3 agosto a Valva.

Il corpo del giovane, come si legge sul quotidiano La Città di Salerno, è rimasto per ben 47 giorni in una cella frigo dell’ospedale “San Francesco d’Assisi” di Oliveto Citra, perchè la famiglia non era in possesso della somma necessaria per il rimpatrio in Romania del loro congiunto. Grazie al cuore e alla grande solidarietà espressa dalla chiesa Ortodossa di Salerno, della Caritas parrocchiale di Oliveto Citra e della comunità rumena presente nell’Alto Sele sono stati raccolti i soldi necessari per permettere la sepoltura del 34enne nel suo paese d’origine.

– redazione –


  • Articolo correlato

3/08/2014 – 34enne rumeno trovato morto in una scarpata tra Colliano e Valva. Indagano i Carabinieri


 

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano