Ruba in casa di un’anziana a Salerno e viene fermato con la refurtiva addosso. Marocchino in manette









































I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Salerno, coadiuvati per il periodo delle “Luci d’Artista” da un contingente della Compagnia di Intervento Operativo del Reggimento Carabinieri “Campania”, stanno proseguendo negli specifici servizi di contrasto alla criminalità predatoria. Ieri sera, intorno alle 21, è giunta una telefonata alla Centrale Operativa “112” da parte di una 70enne residente in via Salvatore Calenda, la quale lamentava di aver appena subito un furto nella propria abitazione.

Immediatamente l’operatore ha disposto la confluenza in zona di tutto il dispositivo dei Carabinieri del Radiomobile e della CIO, che in pochi minuti ha circondato la zona e individuato un uomo che si aggirava furtivamente, il 38enne marocchino R.N., residente a Napoli.

Immediatamente braccato e perquisito, il malfattore aveva ancora addosso un portagioielli, subito riconosciuto dalla vittima, ed un braccialetto “Vasco Live Kom” riconosciuto poiché acquistato dalla figlia in occasione del concerto del noto artista a Roma. Il ladro ha provato invano a giustificarsi dicendo di aver trovato gli oggetti nella spazzatura, ovviamente senza convincere nessuno.










Prontamente arrestato, ha affrontato questa mattina il giudizio direttissimo durante il quale, oltre alla convalida dell’arresto, gli è stata applicata la detenzione domiciliare a Napoli.

L’arresto costituisce ennesima prova dell’efficienza operativa del sistema di pronto intervento dei Carabinieri. I controlli ad ampio raggio continuano, a sostegno e tutela dell’ordinato vivere civile.

I militari dell’Arma ricordano che l’impegno nel contrasto di tutte le condotte antisociali deve essere sostenuto dalla cooperazione del cittadino nel rifiutarle e nel denunciarle, con consapevolezza dell’alto senso civico che tali azioni comportano.

– Chiara Di Miele –

 





































Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*