E’ stato un grande successo, quello raccolto dagli artisti del Vallo di Diano e non solo, presso la vetrina prestigiosa della “X Biennale d’arte di Roma”. I pittori e gli scultori, scelti nel corso della selezione a Pertosa, hanno espresso un’ampia soddisfazione nel corso dell’inaugurazione della mostra d’arte, alla quale hanno partecipato la critica d’arte Antonella Nigro e il consigliere del Comune di Pertosa Vittorio Caggiano: “Questo successo – racconta il consigliere Vittorio Caggiano – ci incoraggia a proseguire negli anni l’iniziativa e a rendere più solida la collaborazione con il Centro Internazionale d’Arte Contemporanea (CIAC) per la realizzazione della Biennale”. Infatti, hanno esposto le loro opere molti artisti provenienti dal concorso a Pertosa, oltre ai vincitori dello stesso, dando un contributo notevole e di rilievo alla mostra, tra cui: Antonio Carotenuto di Napoli, Alessandra Cannavacciuolo di Cava de’ Tirreni ed originaria di Montesano sulla Marcellana, Cono Giardullo di Teggiano, Salvatore Ceglia di Padula, Marco Fratiello di Napoli, Nadia Miglino di Agropoli, Gigam di Pertosa, Donato Pellegrini di Frosinone, Antonella Carucci di Caggiano, Pasquale Zaccarella di Caserta, Gennaro Nardiello di Napoli.

Presente al taglio del nastro anche la famosa attrice Barbara Bouchet, che ha esposto un suo quadro. Nel corso dell’inaugurazione, poi, il presidente del CIAC Giuseppe Chiovaro ha sottolineato come “la Biennale d’arte voglia rappresentare un punto di incontro di varie culture e diverse etnie, oltre che un momento di comprensione e confronto di tanti popoli che sono accomunati dalla ricerca attraverso l’arte di un’unica aspirazione di libertà e di pace”. Ad oggi, la Biennale raccoglie opere di pittori, scultori, grafici e fotografi provenienti da circa quaranta paesi di tutti continenti. Tutto questo a evidenziare che la mostra di Roma rappresenta sia un incontro artistico di alto livello che un incontro umano.

La mostra, allestita presso le Sale del Bramante in piazza del Popolo a Roma, sede istituzionale della Biennale e di eventi di altissimo spessore artistico, avendo ospitato in passato anche opere di artisti come Picasso, Chagall, Mirò, Goya e Dalì, sarà visitabile gratuitamente fino al 27 gennaio dalle 15 alle 18 (giorni feriali) e dalle 10 alle 13 oltre che il pomeriggio (giorni festivi).

– Francesca Caggiano –


 

Commenti chiusi