Il personale del Corpo Forestale dello Stato del C.T.A. di Vallo della Lucania, diretto dal vice questore aggiunto Fernando Sileo, ha scoperto nel comune di Roccagloriosa, in località “Pagliara-Cerrimilano”, il taglio furtivo di 200 piante di specie ontano pari a circa 500 quintali, su terreni demaniali lungo il Fiume Mingardo.

L’operazione è partita da una segnalazione di un privato cittadino che ha contattato la Centrale Operativa del 1515.

Sul posto è intervenuto il Comando Stazione Forestale di San Giovanni a Piro, a seguito della segnalazione ricevuta dalla Centrale Operativa della Forestale di Napoli.
Le attività di indagine svolte anche con l’ausilio di moderne tecnologie informatiche per il controllo del territorio, interfacciando i rilievi della strumentazione satellitare GPS con i dati implementati dal SIM (Sistema Informativo della Montagna), hanno consentito di appurare che l’utilizzazione boschiva veniva eseguita senza le necessarie autorizzazioni, priva di atti concessori degli Enti delegati alla gestione del vincolo ambientale. Inoltre, durante i controlli, unitamente ai funzionari del Genio Civile di Salerno, è emerso che l’area interessata dal taglio ricadeva sul Demanio Fluviale del Fiume Mingardo.

– redazione –


 

Commenti chiusi